:: Servizi iscritti

:: Siti utili

:: Snals Massa Carrara

Ottobre
17
Giovedì

:: Area riservata

:: Organizzazione

:: Notizie e Documenti

Snals Massa Carrara - Massa Via Porta Fabbrica, 3 tel/fax: 0585/41733 228266

ISCRIZIONI A.S. 2015/16 – MOBILITA’- RIAMMISSIONE IN SERVIZIO

Informazioni e documenti

 

01/04/2011
Ricorso pensionati 1983 – 1994
Il personale docente e ATA, collocato in quiescenza tra il 10/09/1983 e 01/09/1994 con indennità integrativa speciale in quarantesimi, hanno diritto a conseguire l’IIS in misura intera a far data dal raggiungimento dell’età pensionabile con riliquidazione della pensione in godimento e il pagamento degli interessi maturati e della rivalutazione monetaria. Per inoltrare richiesta all’INPDAP e successivamente presentare apposito ricorso alla Corte dei Conti di Firenze contattare il Sindacato SNALS in orario d’ufficio portando il decreto di pensionamento.

 

01/04/2011
CORSO DI FORMAZIONE PROFESSIONALE CONFSALFORM
Giovedì 31 marzo nel salone convegni del Comune di Rosignano Solvay si è tenuta la giornata di formazione per il personale docente ed ATA delle province di Livorno, Lucca, Massa - Carrara e Pisa. Tema del convegno "La Scuola che comunque cambia: gli scenari futuri, le proposte dello SNALS". Il Segretario nazionale dello SNALS, Marco Paolo Nigi, ha svolto la relazione a conclusione del convegno. Alla giornata di formazione, curata dal Segretario SNALS di Livorno,prof. Fulvio Corrieri, ha partecipato una folta delegazione degli iscritti SNALS di Massa - Carrara

 

20/03/2011
CONTRATTAZIONE D’ISTITUTO E D.LGS. 150: IL GIUDICE DEL LAVORO DÀ RAGIONE ALLO SNALS-CONFSAL
Il Giudice del Lavoro del Tribunale di Treviso, con ordinanza del 17 febbraio 2011, si è pronunciato sul ricorso presentato dalla Segreteria Provinciale dello SNALS-Confsal contro il dirigente dell’ITIS “Enrico Fermi” di Treviso in merito all’applicazione del decreto lgs. 150/2009, per la parte relativa alle materie oggetto della contrattazione d’istituto. L’ordinanza del Giudice del Lavoro ha particolare rilevanza in quanto non opera in astratto su un ipotetico conflitto tra norma primaria, qual è il decreto 150, e norma secondaria qual è il CCNL, ma riconduce direttamente ad una esegesi logica e congrua dello stesso decreto 150 l’indisponibilità di un potere esclusivo dell’Amministrazione ad intervenire in modo unilaterale ed autoritativo su materie che disciplinano il rapporto di lavoro.